Il miele dell'Etna e della Sicilia

Il miele dell'Etna e della Sicilia

Autore: Etna Moving Admin | Data inserimento: 16/07/2019

Il miele dell'Etna e della Sicilia

Viene chiamato l'”oro dell’Etna“, stiamo parlando del miele realizzato a Zafferana Etnea, la città del miele. Sicuramente uno dei prodotti migliori dell’Etna, la nostra amata Etna infatti produce molte eccellenze agroalimentari, questo grazie a un territorio baciato dal calore del sole e dalla florida terra vulcanica.

 Il miele dell’Etna

Zafferana Etnea, è una delle capitali italiane del miele più buono, con una produzione di altissima qualità di questo prodotto che da solo tocca circa il 15% dell’intero prodotto nazionale. Questo eccellente prodotto si realizza e commercializza dal 1910. Accanto alla pastorizia, alla produzione di uva da vino, ortaggi e frutta, l’economia del paese si è basata quasi esclusivamente sull’apicoltura.

Il suo toponimo deriva dall’arabo “Zaufanah” che vuol dire giallo e rimanderebbe alla produzione della spezia dello zafferano, oppure al giallo delle ginestre, ed infine al colore del miele e delle api.  L’attestazione di Zafarana si riscontra in alcune carte del 1694. Il suo significato deriverebbe dall’arabo, col significato di  “fischio del vento” oppure di “contrada ricchissima d’acqua“.

Il miele siciliano

La produzione di miele è un’attività praticata in Sicilia da millenni grazie anche alla presenza  di mieli più pregiati grazie come  agrumi, nespolo, sulla, timo, castagno, carrubo, di zagare di arancio e di limone, di cardo, di agrumi come bergamotto, mandarino, clementine, cedro e pompelmo, di achillea,  di altre specie e soprattutto dell’ape nera, ape autoctona ormai quasi in via d’estinzione.  Il miele siciliano, in particolare, ha caratteristiche tipiche genuine e note aromatiche che lo rendono il migliore in commercio.

Il comune di Sortino (provincia di Siracusa) e quello di  Zafferana Etnea sono stati 2 degli 11 comuni italiani a dar vita nel 2002 all’associazione nazionale de “Le città del miele”, che ha come obiettivo quello di unire i maggiori produttori di miele in Italia.

Altri centri di produzione del mele si trovano sui Monti Nebrodi, nella zona di Trapani e Palermo.

Il miele: ottimo  in cucina e fa bene alla salute

Il miele è un alimento unico per i suoi molteplici utilizzi e per le sue tante proprietà curative, infatti è uno dei più antichi alimenti dell’umanità. Per popoli come gli Egizi e i Romani era un dono degli dei. Era utilizzato per curare disturbi digestivi e per creare unguenti per ferite e piaghe, per la sua azione purificante, afrodisiaca, dissetante, vermifuga, antitossica, regolatrice, refrigerante, cosmetica, tonica e cicatrizzante. E’, inoltre, un ottimo lassativo, mucolitico, espettorante contro l’influenza, è impiegato anche per contrastare brufoli e acne. La famosissima pappa reale è usata principalmente come ricostituente, la propoli ha proprietà fitoterapiche contro le malattie respiratorie. L’estratto di miele viene impiegato in cosmetologia per le sue proprietà emollienti ed idratanti.

Ricette

Il miele è un elemento fondamentale in alcuni dolci tipici siciliani e catanesi, come le crispelle di riso, piatto tipico delle feste, da natale a San Giuseppe, la cubbaita, il torrone bianco, tutti dolci di derivazione araba a base di frutta secca, ma anche torta di ricottamiele e mandorledi miele e noci, ma serve anche a candire la frutta, come nel caso delle pere con miele e cannella, delle mele caramellate, dei kiwi,

Si preparano il famoso liquore, l’idromele, il semifreddo e i lecca lecca.

Viene anche usato per preparazioni salate, per accompagnare secondi piatti di carne o di selvaggina, oppure per creare un “dolce contrasto” con i sapori forti dei formaggi locali. Il miele, soprattutto quello di castagno, proprio grazie al suo sapore ricco e deciso, è ideale per marinature di arrosti, mescolato assieme all’aceto balsamico, in abbinamento con la ricotta e i formaggi.